collegati a facebook collegati a Instagram feed rss collegati a YouTube
CERCA
La Città
La Città
Forlì nella storia, statistiche, numeri utili, turismo, cultura in città...
Il Comune
Il Comune
Sindaco, Giunta, Consiglio, Bandi, Avvisi, Gare, Concorsi, Come fare per, Bilanci...
Guida ai Servizi
Guida ai Servizi
Sportelli informativi, Casa, Ambiente, Tributi, Sport, Polizia Municipale...
  Percorso di navigazione 

CONGEDO PARENTALE

Area / Servizio:
Servizi alla Persona e alla Comunità / Scuola e Sport

Responsabile del procedimento:
Nadia Bertozzi
Descrizione del procedimento
Cos'è :

Il Congedo Parentale è un periodo di astensione facoltativa dal lavoro di 10 mesi (complessivi) elevabili a 11, oltre la maternità obbligatoria, che permette alle mamme e ai papà di trascorrere più tempo con i propri figli senza perdere il lavoro. La legge 53 premia e coinvolge anche i papà nella crescita dei figli, prevedendo la possibilità di passare un periodo di tempo a casa con loro; concede inoltre anche alle donne lavoratrici autonome di godere dei congedi ed estende tale opportunità fino ai dodici anni di vita del bambino.

A chi è destinato :

Il Congedo Parentale è destinato a tutti i genitori, a condizione che siano entrambi lavoratori, secondo le seguenti modalità:
- alla madre lavoratrice, trascorso il periodo di congedo di maternità (ex astensione obbligatoria) viene concesso per un periodo continuativo o frazionato non superiore ai sei mesi;
- al padre lavoratore per un periodo, continuativo o frazionato, non superiore ai sei mesi; qualora il padre lavoratore eserciti il diritto di astenersi dal lavoro per un periodo di almeno tre mesi il limite è elevato a sette mesi.
I genitori adottivi o affidatari sono equiparati ai genitori naturali
Lavoratrici autonome e lavoratrici o lavoratori iscritti alla gestione separata INPS hanno diritto a usufruire di un periodo di congedo parentale di 3 mesi nel primo anno di vita del bambino.
Entro il primo anno di età del bambino/a: 
- la madre può fruire di riposi giornalieri ed allattamento per 2 ore di permesso giornaliere se l'orario di lavoro è superiore alle 6 ore giornaliere, di 1 ora se è inferiore. In caso di parto plurimo i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive possono essere utilizzate anche dal padre. Nel caso di parto, adozione o affidamento plurimo il diritto al congedo parentale è previsto per ogni bambino alle condizioni sopra indicate.
La misura dell'indennità percepita dai lavoratori in congedo parentale nei primi 6 anni di vita del bambino ed entro i 6 anni dall’ingresso in famiglia del minore (in caso di affido o adozione), è pari al 30% della retribuzione per un periodo massimo, complessivo, tra i genitori, di sei mesi calcolata considerando la retribuzione del mese precedente l’inizio del periodo di congedo.
Dai 6 anni e un giorno agli 8 anni di età del bambino e dai 6 anni e un giorno agli 8 anni dall’ingresso in famiglia del minore (in caso di affido o adozione), nel caso in cui i genitori non ne abbiano fruito nei primi 6 anni, o per la parte non fruita, il congedo verrà retribuito al 30% solo se il reddito individuale del genitore richiedente è inferiore ad un determinato limite.
Dagli 8 anni e un giorno ai 12 anni di età del bambino e dagli 8 anni e un giorno ai 12 anni dall’ingresso in famiglia del bambino (in caso di affido e adozione) il congedo non è mai indennizzato.

Come si richiede :

La domanda di congedo parentale deve essere presentata all'INPS utilizzando la modulistica on line, collegandosi al sito www.inps.it, oppure tramite i Patronati.
La domanda va presentata all'Inps prima dell'inizio del periodo di congedo richiesto; in caso di ritardo, l'indennità è riconosciuta solo per i periodi di congedo successivi alla data di presentazione della domanda. In ogni caso, ai fini dell'esercizio del diritto, il lavoratore è tenuto - salvo ipotesi di oggettiva impossibilità - a preavvisare il datore di lavoro secondo modalità e criteri stabiliti dai contratti collettivi e, comunque, con un periodo di preavviso non inferiore a 5 giorni (indicando l'inizio e la fine del periodo di congedo). Per il congedo parentale a ore il periodo di preavviso non deve essere inferiore a 2 giorni.

Contact Center integrato - n. 803164 gratuito da rete fissa o al n. 06164164 da rete mobili (a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico);
Patronati, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Dove rivolgersi :

Al proprio datore di lavoro e all'INPS di Viale della Libertà, 48 - Forlì
Tel 0543/710111 - fax 0543/29703
Centro Famiglie - Sportello Informafamiglie
Sede: Viale Bolognesi, 23 - Forlì 0543712667 - Fax 0543/21986
lunedì, mercoledì e venerdì mattina 9.00-13.00, martedì e giovedì 15.00-18.00
dal 4 luglio al 24 agosto: lunedì, mercoledì e venerdì 9-13
mail: centrofamiglie@comune.forli.fc.it
Centro Donna
Sede: Via Tina Gori - Forlì  0543 712682 – 712660
lunedì, mercoledì e venerdì: 8.30-13.30; martedì: 8.30-13.00/14.00-18.00. Su appuntamento
Email: centrodonna@comune.forli.fc.it
Assistente sociale c/o Centro Socio Sanitario/Consultorio familiare
Via C. Colombo, 11 Tel 0543/733146 - su appuntamento.

Riferimenti legislativi (Normativa):

Legge n. 53 dell'8 marzo 2000
D. Lgs del 15/06/2015

NOTE: Il Centro per le Famiglie e il Centro Donna dispongono di un elenco contenente i referenti che si occupano del "congedo parentale" presso patronati, sindacati e altri soggetti.


Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dell'Unità Servizi Informativi, C.so Diaz, 21 - 47121 Forlì - redazione.civica@comune.forli.fc.it

Validatore HTML 4.01     Validatore CSS!     Validazione WCAG WAI-A

Note Legali | Privacy

Bussola della Trasparenza