collegati a facebook collegati a Instagram feed rss collegati a YouTube
CERCA
La Città
La Città
Forlì nella storia, statistiche, numeri utili, turismo, cultura in città...
Il Comune
Il Comune
Sindaco, Giunta, Consiglio, Bandi, Avvisi, Gare, Concorsi, Come fare per, Bilanci...
Guida ai Servizi
Guida ai Servizi
Sportelli informativi, Casa, Ambiente, Tributi, Sport, Polizia Municipale...

Contrasto al Coronavirus

Coronavirus

 

 

 

 

 

 

Aggiornamenti al 16/03/2020

Ulteriore ordinanza in tema di misure per la gestione dell'emergenza sanitaria legata alla diffusione della sindrome da COVID-19

Disposizioni dal 15/03/2020 al 25/03/2020


Decreto del Presidente della Regione Emilia Romagna del 14/03/2020



 

Aggiornamenti al 13/03/2020

Ulteriori misure a tutela della salute pubblica

Dal 14/03/2020 al 3/4/2020

- chiusura dei cancelli d'accesso dei parchi e giardini
- divieto di utilizzo delle attrezzature con strutture ludiche (giochi per bambini), e di parchi e giardini presenti all'interno degli impianti sportivi
- chiusura delle aree ortive comunali
- chiusura dei cimiteri comunali e diocesani, relativamente alle visite, mentre è consentita la tumulazione delle salme
- divieto di accesso e di utilizzo di tutte le aree verdi pubbliche, aperte al pubblico, private ad uso pubblico, diverse da quelle indicate nell'ordinanza e di tutte le aree di sgambatura presenti nel territorio comunale


Ordinanza del Sindaco n. 4 del 13/03/2020 


 

 

Aggiornamenti al 12/03/2020


Dal 12/03/2020 al 25/03/2020

sono sospese:
- le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità
- le attività di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) ad esclusione delle mense e del catering continuativo, che garantiscano la distanza di sicurezza interpersonale di un metro
- le attività inerenti i servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, estetisti)

sono chiusi:
- i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari

restano attivi:
- gli esercizi di somministrazione alimenti e bevande posti nelle aree di servizio
- rifornimento carburante lungo la rete stradale, autostradale e all'interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali
- servizi bancari, finanziari, assicurativi
- le edicole, i tabaccai, le farmacie, le farmacie, le parafarmacie (garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro)
- attività del settore agricolo, zootecnico, di trasformazione agroalimentare comprese le filiere
- ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto


Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell'11 marzo 2020

Coronavirus: un messaggio dal Sindaco Gian Luca Zattini
 

Aggiornamenti all'11/03/2020


Le attività di ristorazione e bar si estendono a tutte le attività che prevedono la somministrazione ed il consumo sul posto (compresi preparazione pasti "take-away" quali rosticcerie, friggitorie, gelaterie, pasticcerie, pizzerie al taglio che non dispongono di posti a sedere). Queste attività osserveranno anche chiusura al pubblico nei giorni festivi e prefestivi. Per queste attività è sempre consentito il servizio di consegna a domicilio. Sono sospesi i mercati ordinari e straordinari, i mercati a merceologia esclusiva e i mercatini e le fiere, ad eccezione dei mercati a merceologia esclusiva per la vendita di prodotti alimentari.

 

Ordinanza del Presidente della Regione Emilia Romagna del 10/03/2020



 

Aggiornamenti al 10/03/2020


Ulteriori restrizioni n vigore dal 10 marzo  fino al 3 aprile compreso adottate dal Governo.


SINTESI DPCM  #IoRestoaCasa

- evitare ogni spostamento delle persone fisiche sia in entrata e in uscita dai territori sia all'interno dei medesimi territori, salvo per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute che vanno dimostrate con autocertificazione
- sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati
- sono sospesi i servizi educativi per l'infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università
- sono chiusi i musei e gli altri istituti e luoghi della cultura
- sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle 6.00 alle 18.00, con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro
- sono consentite le attività commerciali a condizione che il gestore garantisca un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate
- nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati
- sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi
- l'apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone
- sono sospese le procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari in modalità telematica


 

Decreto Presidente Consiglio dei Ministri 9 marzo 2020

Modulo autocertificazione spostamenti

Le misure in Emilia Romagna

Ordinanza Presidente Regione Emilia Romagna del 9/3/2020

FAQ Decreto#IoRestoaCasa

 


 

Aggiornamenti al 09/03/2020

 

Il Presidente della Regione Emilia Romagna ha emesso in data 8 marzo 2020 un'ordinanza che estende la sospensione dell’attività di palestre, piscine, attività ricreative anche alle zone che il Governo aveva escluso e che quindi varranno in tutto il territorio regionale.
Ordinanza del Presidente della Regione Emilia Romagna 8 marzo 2020 

Misure in vigore in Emilia Romagna

Decreto Presidente Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020

 

 

Aggiornamenti al 08/03/2020

 

IL SINDACO DEL COMUNE DI FORLÌ:

In relazione ai contenuti del DPCM del 08 marzo 2020 nel merito delle misure di contenimento e contrasto alla diffusione del Coronavirus COVID-19 informa la cittadinanza sulle seguenti misure di interesse generale disposte dal Decreto medesimo:

1. si raccomanda a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche di evitare di uscire dalla propria abitazione se non per motivi di stretta necessità, di evitare i luoghi affollati e comunque di mantenere sempre la distanza interpersonale di almeno un metro;
2. devono essere limitati quanto più possibile gli spostamenti delle persone fisiche se non in caso di stretta necessità, privilegiando i contatti telefonici e telematici anziché quelli interpersonali;
3. si raccomanda fortemente alle persone che presentino sintomi da infezione respiratoria e febbre maggiore di 37,5° di rimanere presso le proprie abitazioni, di limitare quanto più possibile i contatti sociali e di contattare il medico di base;


Si comunica inoltre che:
- sono sospesi manifestazioni, eventi, spettacoli di qualunque natura ivi compresi quelli cinematografici e teatrali svolti in qualunque luogo pubblico o privato;
- sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale bingo, sale scommesse, discoteche e locali simili;
- è sospesa l’apertura dei musei, istituti e luoghi della cultura;
- i gestori di ristoranti e bar devono far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Agli altri esercizi commerciali, all’aperto e al chiuso, è fortemente raccomandato di organizzare l’accesso in modo contingentato per evitare assembramenti di persone, ferma restando la distanza di almeno un metro tra i visitatori;
- sono sospesi eventi e competizioni sportive in ogni luogo sia pubblico che privato, a meno che vengano svolti all’interno di impianti a porte chiuse o all’aperto in assenza di pubblico;
- sport di base e attività motorie in genere svolti all’aperto o in palestre, piscine e centri sportivi sono ammessi esclusivamente a condizione che sia rispettata la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra gli utenti.

La cittadinanza è tenuta a seguire scrupolosamente le misure suddette e a mantenere un atteggiamento di fiducia, solidarietà e collaborazione nell’interesse di tutti, al fine di scongiurare ulteriori più restrittivi provvedimenti.
L’Amministrazione comunale assicura il proprio impegno e la propria costante attenzione alla situazione.

 


COVID-19 Misure Igienico-sanitarie

 


Il Presidente del Consiglio Ministri, ha firmato oggi, 8 marzo, un nuovo DPCM con misure riguardanti il contrasto e il contenimento del diffondersi del Coronavirus, sia con valenza locale e regionale sia con valenza nazionale.

Principali provvedimenti validi a livello nazionale
- rimane confermata la sospensione fino al 15 marzo 2020 dei servizi educativi per l'infanzia, le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività di formazione superiore, comprese Università, Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, corsi professionali, master e università per anziani;
- fino al 3 aprile 2020 sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, compresi quelli in cinema e teatri, svolti in luogo pubblico e privato;
- fino al 3 aprile 2020 sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, discoteche e assimilabili, con sanzione e sospensione dell'attività in caso di violazione;
- fino al 3 aprile 2020 è sospesa l'apertura dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura;
- fino al 3 aprile 2020 lo sport di base e le attività motorie in genere, svolti all'aperto ovvero all'interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro;
- fino al 3 aprile 2020 é fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con stati di immunodepressione, di evitare di uscire dalla propria abitazione fuori dai casi di stretta necessità e di evitare luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere le distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Principali provvedimenti validi per le zone di seguito indicate
- fino al 3 aprile 2020 evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita nella Regione Lombardia, nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell'Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia, salvo per spostamenti motivati da comprovante esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. Ad ogni modo è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Si raccomanda di attenersi alle misure igienico-sanitarie già disposte e riportate nell'Allegato 1 dell'ultimo DPCM 

Per leggere il testo integrale del decreto: Testo del DPCM 8 marzo 2020 

Aggiornamenti al 05/03/2020

Il Presidente del Consiglio Ministri,  ha firmato ieri, 4 marzo,  un nuovo DPCM con misure riguardanti il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus. 

- Sospesi fino al 15 marzo 2020, i servizi educativi per l'infanzia, le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività di formazione superiore, comprese Università, Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, corsi professionali, master e università per anziani.

- E' fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con stati di immunodepressione, di evitare di uscire dalla propria abitazione fuori dai casi di stretta necessità e di evitare luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere le distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro

- Si raccomanda di attenersi alle seguenti misure igienico-sanitarie, riportate nell'Allegato 1 del DPCM:

a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani

b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

c) evitare abbracci e strette di mano:

d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

e) igiene respiratoria (starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie):

f) evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva;

g) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

h) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

i) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico:

l) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

m) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate

Testo del DPCM 4 marzo 2020


Aggiornamenti al 03/03/2020

La cultura non si ferma: a partire da martedì 3 marzo riaprono i Musei San Domenico, Palazzo Romagnoli, la Biblioteca Saffi e le altre sedi decentrate, con misure precauzionali per il contenimento del contagio.
In ottemperanza alle norme di prevenzione contenute nel Decreto ministeriale, verranno adottate le seguenti misure precauzionali:
- per i Musei San Domenico l'accesso sarà garantito fino a un massimo di 300 visitatori contemporaneamente, in presenza di personale dedicato al rispetto delle prescrizioni ministeriali, non sarà consentito l'accesso ai gruppi e verrà garantita l'assenza di code e assembramenti nei pressi della biglietteria;
- per Palazzo Romagnoli  l'accesso sarà garantito a 150 persone contemporaneamente, in presenza di personale dedicato al rispetto delle prescrizioni ministeriali e in particolare del requisito della distanza tra i visitatori di almeno un metro;
- per la Biblioteca Saffi l'accesso sarà garantito a 20 persone contemporaneamente sedute ai tavoli di consultazioni e studio, ad almeno un metro di distanza l'uno dall'altra. La consegna e il ritiro dei libri alla reception sarà possibile una persona alla volta;
- per le sedi bibliotecarie decentrate, sarà possibile solo la consegna e il ritiro dei libri alla reception, una persona alla volta.

Sono annullati gli spettacoli al Teatro Diego Fabbri fino a domenica 8 marzo.
Nuove date di spettacolo:

  •  Rossini Ouvertures di Spellbound Contemporary Ballet, previsto per la rassegna Danza il 29 febbraio, andrà in scena domenica 19 aprile alle 21

  •  il reading I fatti della Uno Bianca di Michele Di Giacomo, previsto al Ridotto del Teatro per la rassegna Incontri il 5 marzo, andrà in scena giovedì 23 aprile alle 18

  •  I Miserabili con Franco Branciaroli, previsto per la rassegna Prosa dal 5 all’8 marzo, andrà in scena:
    - lunedì 13 aprile (Lunedì dell’Angelo) alle ore 16 TURNO D
    - martedì 14 aprile alle ore 21 TURNO B
    - mercoledì 15 aprile alle ore 21 TURNO C
    - giovedì 16 aprile alle ore 21 TURNO A


Aggiornamenti al 01/03/2020

Misure di contenimento per zone
Informazioni Ministero della Salute
DPCM 1 marzo 2020

 

Confermata la chiusura di nidi, scuole e Università anche per la prossima settimana.

La decisione è stata presa sulla base del parere del Comitato tecnico scientifico nazionale e le indicazioni del Governo che ritengono, inoltre, di dover aggiornare settimanalmente tale previsione sulla base dell’andamento della situazione epidemiologica.

Fermi restando i divieti per tutte le attività che determinano significativi assembramenti di persone, si sta valutando la possibilità per le attività culturali e di spettacolo di un accesso limitato e disciplinato, tale da salvaguardare le condizioni di sicurezza sanitaria delle persone.

Il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e la Giunta si erano prefissi di rimettersi prima alle valutazioni del Comitato Tecnico Scientifico - che oltre all’Istituto superiore di sanità è stato potenziato con l’interessamento dei presidenti delle Società scientifiche competenti per materia sul Coronavirus -, così come di attendere l’indicazione del Governo che garantisse una omogeneità degli interventi. Si ritiene però di dover già ora dare questa prima comunicazione per dare modo alle famiglie di potersi organizzare in vista dei prossimi giorni.

Al termine dell’incontro con il Governo, si riunirà l’Unità di crisi regionale per definire tutti gli aspetti del provvedimento del Governo e di quelli eventualmente da adottare in sede locale.



 

Aggiornamenti al 24/02/2020

 

Circolare applicativa
Allegato al Decreto del Presidente della Regione n. 16 del 24/02/2020


 

Sport ed eventi sportivi
L'Amministrazione comunale informa che possono rimanere aperti e continuare a svolgere l'ordinaria attività le palestre i centri, le società sportive e le piscine.
Sono invece sospese ad oggi fino al 1/03  le manifestazioni e gare sportive.


 

Musei e altri istituti e luoghi della cultura
Sono sospesi i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura ad eccezione delle biblioteche per ordinanza contingibile e urgente n. 1/2020 del Ministro della Salute di Intesa con il Presidente della Regione Emilia-Romagna "Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019".

 

La Regione ha deciso di adottare alcune misure per contrastare la diffusione del Coronavirus, contenute in una comunicazione firmata dal Presidente Bonaccini insieme al Ministro della Salute, valide dal 24 febbraio al 1 marzo compreso.

 

 

____________________________________________________________________________
 

 

Si prevede:


1) sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, anche di natura culturale, ludico, sportiva ecc, svolti sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico;

2) chiusura dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani;

3) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 dei codici dei beni culturali e del paesaggio di cui al D.L. 42/2004;

4) sospensione di ogni viaggio di istruzione sia sul territorio nazionale che estero;

5) obbligo da parte di individui che hanno fatto ingresso in Emilia-Romagna da zone a rischio epidemiologico come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di comunicare tale circostanza al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria competente per territorio per l’adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;

6) predisposizione per le Direzioni Ospedaliere della limitazione dell’accesso dei semplici visitatori alle aree di degenza;

7) raccomandazione per il personale sanitario di attenersi alle misure di prevenzione per la diffusione delle infezioni per via respiratoria nonchè alla rigorosa applicazione delle indicazioni per la sanificazione e disinfezione degli ambienti previste dalle circolari ministeriali;

8) per il trasporto pubblico deve essere predisposta dagli organismi competenti la disinfezione giornaliera dei treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale via terra, via aer e via acqua;

9) sospensione delle procedure concorsuali ad esclusione dei concorsi per personale sanitario.

 

Contattare il numero verde 800 033 033 se hai febbre o tosse e sei rientrato dalla Cina da meno di 14 giorni.

 

www.regione.emilia-romagna.it

Ordinanza n. 1 2020 Covid-19

Circolare applicativa - Allegato al Decreto del Presidente della Regione n. 16 del 24/02/2020

Opuscolo Ministero della Salute

Previeni le infezioni con il corretto lavaggio delle mani

Misure igienico sanitarie 

 



ultima modifica: 16/03/2020
Risultato
  • 2
(108 valutazioni)

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dell'Unità Servizi Informativi, C.so Diaz, 21 - 47121 Forlì - redazione.civica@comune.forli.fc.it

Validatore HTML 4.01     Validatore CSS!     Validazione WCAG WAI-A

Note Legali | Privacy

Bussola della Trasparenza