collegati a facebook feed rss collegati a YouTube
CERCA
La Città
La Città
Forlì nella storia, statistiche, numeri utili, turismo, cultura in città...
Il Comune
Il Comune
Sindaco, Giunta, Consiglio, Bandi, Avvisi, Gare, Concorsi, Come fare per, Bilanci...
Guida ai Servizi
Guida ai Servizi
Sportelli informativi, Casa, Ambiente, Tributi, Sport, Polizia Municipale...
  Percorso di navigazione 

AUTORIZZAZIONE ATTIVITA' RUMOROSE NELL'AMBITO DI MANIFESTAZIONI PUBBLICHE

Area / Servizio:
Servizi al Territorio / Ambiente e Protezione civile

Responsabile del procedimento:
Francesca Bacchiocchi
Descrizione del procedimento
Cos'è :
Necessita di autorizzazione l'esercizio di attività rumorose svolte nell'ambito di:
- manifestazioni pubbliche ed assimilabili, svolte in luogo pubblico o aperto al pubblico o quelle esercitate presso pubblici esercizi o presso circoli privati a supporto dell'attività principale, sotto forma di piano bar, serate musicali o danzanti, diffusione musicale;
- attività svolte sotto forma di serate musicali o comizi, concerti, spettacoli, feste popolari, sagre, manifestazioni di partito, sindacali, di beneficenza, religiose, luna-park e tutte le altre occasioni assimilabili che necessitano dell'utilizzo di impianti elettroacustici di diffusione o amplificazione;
- manifestazioni sportive che utilizzano impianti elettroacustici di diffusione o amplificazione.
In particolare le manifestazioni rumorose a carattere temporaneo devono rispettare i limiti acustici e di durata degli eventi e di numero di giornate massime per anno solare, così come definiti dalle Norme tecniche di Zonizzazione Acustica e Regolamento delle Attività rumorose vigenti.
A chi è destinato :
Ai responsabili delle manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico.
Come si richiede :
La domanda di autorizzazione deve essere presentata allo Sportello Unico 15 giorni prima dell'inizio della manifestazione. Qualora per eccezionali motivi documentabili o in occasione di particolari eventi, ovvero per esigenze a carattere stagionale rientranti in un quadro di valorizzazione di un contesto urbano, il responsabile dell’attività rumorosa a carattere temporaneo ritenga necessario superare i limiti di periodo o di orario indicati nel regolamento, deve produrre al dirigente del servizio responsabile della tutela ambientale specifica domanda di autorizzazione in deroga allegando una relazione di impatto acustico . Il dirigente del servizio responsabile della tutela ambientale valutati i motivi della domanda e tenuto conto della tipologia dell’attività e della sua collocazione, può, sentita l’ARPA, autorizzare deroghe a quanto stabilito dal presente regolamento. Con il provvedimento di autorizzazione possono essere dettate tutte le misure tecniche, organizzative e procedurali concretamente attuabili per il contenimento del disturbo arrecato alle popolazioni residenti, privilegiando gli abbattimenti alle fonti. Non si concedono deroghe alle attività rumorose nell'ambito di manifestazioni pubbliche a carattere temporaneo in aree ospedaliere, scolastiche ed in aree ad esse immediatamente adiacenti.
Si possono verificare i seguenti casi:
A) Qualora si tratti di attività rumorosa temporanea connessa ad attività di pubblico spettacolo la domanda di licenza per spettacoli e intrattenimenti pubblici di cui agli artt. 68 e 69 del Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza (TULPS) approvato con R.D. n. 773/1931 vale anche come domanda di autorizzazione delle attività a carattere temporaneo. Mediante unico provvedimento viene rilasciata la licenza di pubblico esercizio ai sensi del TULPS e l’autorizzazione in deroga ai sensi dell’art. 6 Legge 447/95. Con lo stesso procedimento sono indicate le prescrizioni e gli orari di cui alla N.T.A. della zonizzazione;
B) Nel caso si tratti di attività rumorosa non connessa ad attività di pubblico spettacolo la richiesta di autorizzazione dovrà essere presentata tramite apposita modulistica predisposta dall’Unità Ambiente e dovrà contenere:
1) stralcio P.R.G. della zona con individuato l’area interessata dalla manifestazione e l’indicazione degli eventuali recettori più esposti;
2) planimetria con individuazione delle sorgenti sonore che verranno installate ( posizione casse, etc…..) e descrizione delle misure tecniche, organizzative e procedurali che si intende adottare. L’autorizzazione viene rilasciata dal dirigente del servizio preposto alla tutela ambientale;
C) per eventi non calendarizzati nell’ambito dei piccoli trattenimenti le giornate dovranno essere comunicate nell’apposita modulistica predisposta dall’Unità Ambiente almeno 24 ore prima dell’evento e agli enti presenti in indirizzo.
Tempi:
L'autorizzazione viene rilasciata in circa 30 giorni.
Spese a carico dell'utente :
2 marche da bollo da € 16,00 da apporre sulla domanda e sull'autorizzazione in deroga.
Dove rivolgersi :
Comune di Forlì - Servizio Ambiente e Protezione Civile - Unità Ambiente 
Via delle Torri, 13
Tel. 0543/712566 - 2579 Fax 0543/712570
Orario: lunedì e venerdì dalle 10,30 alle 13,30; martedì o giovedì su appuntamento.

Nel caso di domanda di licenza di pubblico esercizio rivolgersi a:
Servizio Pianificazione Urbanistica e Sviluppo Economico - Unità Pubblici Esercizi
Via delle Torri, 3
Tel. 0543/712420—0543/712426 - 0543/712334 Fax 0543/712304
Orario: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10,00 alle 13,00.
Come si raggiunge :
Autobus con fermata in P.zza Saffi, linee 1 e 6 . Parcheggi a pagamento in: P.zza Guido da Montefeltro, P.zza XX Settembre, P.zza del Carmine, P.zza Cavour, Via Lombardini.
Riferimenti legislativi (Normativa):
Legge 447/1995 (Legge quadro sull'inquinamento acustico); L. R.  15/2001 - DGR E-R- 45/2002, Delibera C.C. n. 202 del 10/12/2007 e smi: Norme Tecniche di Attuazione Zonizzazione Acustica e Regolamento delle Attività Rumorose.

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dell'Unità Servizi Informativi, C.so Diaz, 21 - 47121 Forlì - redazione.civica@comune.forli.fc.it

Validatore HTML 4.01     Validatore CSS!     Validazione WCAG WAI-A

Note Legali | Privacy

Bussola della Trasparenza