Lo sviluppo delle attività produttive 

dalla Monografia Statistica, Economica, Amministrativa della Provincia di Forlì per gli anni 1866, 1888-1900, 1926.

 

1866 1888-1900

1926

 

 

1866

Società Anonima Forlivese pel Gaz e Fonderia di Ferro

Nel 1862 il comune di Forlì scelse, per la illuminazione a gaz della città, il progetto dell'ing. Ulisse Fioruzzi. Nacque così la Società Anonima Forlivese pel Gaz e Fonderia di Ferro.
Capitale sociale £. 300.000, diviso in azioni da £. 500 cadauna. La Cassa dei Risparmi sottoscrisse 200 azioni.
Il 28 febbraio 1864, metà del paese fu "sfarzosamente illuminato col novello sistema". Quattro mesi dopo entrò in funzione la Fonderia.
Nello Stabilimento del Gaz funzionano tre forni e cinque distillatori, condensazione a sistema refrigerante, depurazione meccanica e chimica per lavorazione contemporanee e separate.
Il Gaz in città percorre 5.500 metri di canalizzazioni principali e 7.500 metri di canalizzazioni secondarie e terziarie.

Stabilimento Olio di Ricino di Carlo Croppi di Forlì

Produzione di olio di Ricino comune e Olio a Doppia Purgazione (in caraffine da g 54).
Dal residuo della attività principale si ricava un concio, tipo guano, e la Pasta alla Mandorla Amara per lavarsi le mani.
Lo stabilimento possiede quattro grosse e perfezionate macchine idrauliche, con sgusciatore meccanico, un frantumatore, spianatoi.
Medaglia d'oro alla Esposizione provinciale del 1853.
Medaglia d'oro alla Esposizione Italiana a Firenze del 1861.

Candele Steariche

Stabilimento di S.Chiara di Fiori e Savorelli. Sede a Forlì
Produzione di candele steariche e saponi inglesi.
Sono presenti un piccolo mulino da farina a due mole, una pileria a riso, filanda di seta e macinazione di zolfo
Il prodotto raggiunge tutta l' Italia e viene esportato fino a Costantinopoli.
Premio alla Esposizione Internazionale di Parigi del 1855.
Attualmente (1866) lo stabilimento versa in stato di liquidazione.

Candele di Cera

Nata il secolo scorso, di Luigi quondam Giorgio Romagnoli, è una delle più antiche industrie del circondario.
Sono presenti sei caldaie doppie di rame a bagnomaria, due a fuoco immediato e 29 tavoloni per il candeggio.

Stufe e Caminetti

Dei Sig. Valerio Becchi e Bernardo Tognoli di Forlì
Viene utilizzata la terra refrattaria prelevata dai vicini colli.
Produzione annua di stufe e caminetti, circa 120.
Sono impiegati ordinariamente quattro operai.
Smercio fino agli Abruzzi.

Tessuti

Di Rita Ricci di Forlì .
Sono impiantati nove telai alla Jaquard e venti alla piana.
Lavorazione di damaschi, gros di seta, telerie di lino lisce.
Trentacinque sono ordinariamente le addette alla confezione dei tessuti.

Marmi Artificiali

Da pochi anni in attività, la fabbrica è sotto la direzione dello scultore Appollodoro Santarelli.
I suoi prodotti sono comparabili con quelli realizzati dall'unico stabilimento del genere, esistente in Roma.
Da quattro a otto sono gli operai ordinariamente impiegati.
Sono presenti :un forno a riverbero e un forno a calcare, una macina a ingranaggio verticale e un buratto entrambi azionati da forza animale, un tornio a veemenza, 17 forme di ferro fuso e un'altra forma per la confezione dei numeri dall'1 al 9999.

Majoliche

Fornace del Sig.Bernardo Tognoli, dove sono impiegati 10 operai. Consumo annuo di legna pari circa a 85 q.
Fornace di Sigg. Servadei e Gorini, dove sono impiegati 15 operai.
Consumo annuo di legna pari circa a 87 q.
Per entrambe lo smercio avviene nelle Province di Forlì e Ravenna

Cioccolata

Dei Sigg. Stefano e Biagio Brasini.
Viene utilizzata una macchina mossa da forza animale.
La stessa macchina serve alla produzione di confetture, alla polverizzazione del caffè del pepe e di altre droghe.
Menzione Onorevole alla esposizione di Londra del 1862.

Birra

Il Sig. Gaetano Pasqui ha introdotto la fabbricazione della birra ed ha iniziato la coltivazione del luppolo. L' attività si svolge essenzialmente per sei mesi all'anno ed occupa ordinariamente due operai.
Nel 1863 sono state smerciate 35.000 bottiglie, anche fuori della Provincia.

Chiodi e Bollette

Sono attive a Forlì una fabbrica di chiodi, e a Meldola una fabbrica di bollette.
Le aziende sono state create dal Sig.Fortunato Servadei Zappellini.
A Forlì sono impiegati 12 operai e sono in azione due fucine. A Meldola operano sei lavoratori.
La produzione viene smerciata anche fuori della Provincia.

Cuoj e Pelli

La Ditta Giuseppe Vignoli è, a Forlì, uno dei più importanti opifici per la concia, dove vengono impiegati 12 operai per tutto l'anno.
Pregevole la lavorazione delle pelli di montone e capra, tipo Firenze, e di vitelli e vacchette bianche, ad uso Francia.
Smercio a Firenze, Trieste.
Più importante ( mancano però i dati) è la Ditta Bonavita Varoli.

Saponi

E' attiva a Forlì la Ditta Pinchetti e Figli. Si utilizzano: olio di olivo, sego, colofonio, olio di palma e olio di cocco.
Produzione di saponi tipo Parigi e Marsiglia. Si utilizzano cinque caldaie di ferro fuso, ed impiega nove operai.
Smercio, fra le città principali, a Milano, Genova, Parma, Modena, Firenze, Perugia,.

Liquori Confetture e Paste

Opera a Forlì la Ditta Antonio Pantoli per la produzione di confetture, paste, rosoli. Sono impiegati cinque operai.Vengono utilizzate quattro grandi caldaie, un forno. Smercio in tutta la Provincia

 

Altre Industrie Diverse esistenti a Forlì

Fabbrica di Bigiotteria, dove sono impiegati sette lavoranti

Fabbrica per la produzione di acque gazose. Nel 1863 sono state smerciate 10.000 bottiglie.

Filande da seta: da ricordare la filanda a vapore dei fratelli Conti Gnocchi.

Fabbrica di biliardi del Sig. Antonio Danesi.

Fabbriche di sedioli e biroccini: si distingue l' attività di Domenico Monti.

Fabbrica d'armi chirurgiche, di coltellerie, di bilance e pesi metrici dei fratelli Bonavita.

Fabbrica di strumenti musicali del Sig. Pietro Faccini.

Fabbriche di calzoleria: operano Gaetano Villa, i fratelli Ravaioli e la Ditta dello stivale d'oro.

Manifattura dei cappelli di felpa: operano Giuseppe Tassinari, Raffaello Manghetti, Raimondo Canziani.

Tarsie di Francesco Ravaioli. Intagli sul legno di Giuseppe Amaducci. Intagli in avorio e legni preziosi di Ulisse Doccioli.

Salsamenteria. I cotechini di Forlì e i prosciutti affumicati di Meldola sono smerciati fino a Firenze e a Roma.

 

1888-1900
da Le condizioni Industriali della Provincia di Forlì 1888-1900, riedizione promossa dalla Associazione degli Industriali della Provincia di Forlì.

 

Principali industrie manifatturiere a Forlì (dati 1897-1898)

Officine di Forlì per lavori meccanici, dell'ing. Forlanini Enrico.

Dispone di quattro caldaie a vapore e due motori a vapore, forno a crogiolo, quattro cubilotti e un maglio, undici torni da metallo e uno da legno, sei trapani, due gru circolari e tre gru a ponte. Addetti fra 100 e 200 unità a colonna .


Officina dei Fratelli Bentivogli a Forlimpopoli, con sette operai , un tornio a crogiolo , un tornio, una pialla e due trapani.


Officina di Rossi e Dardari a Meldola, per la fabbricazione di cucine economiche, alambicchi e strumenti enologici, con sei operai.


Officina dei Fratelli Leoni a Forlì, con cinque operai, per la fabbricazione di attrezzi rurali.

Officina di Laghi Ulisse a Forlì, per la fabbricazione e riparazione di biciclette, con quattro operai, un motore a gas da quattro cavalli, un tornio, un trapano ed altro.

Fabbrica di pesi e misure di Teodorani Giuseppe a Forlì, con tre operai.

Gas. Le città di Forlì, Cesena e Rimini sono illuminate a gas. In complesso le tre officine occupano 51 lavoranti.

Officina per il servizio Luce elettrica a Forlì, a privati, dell'ing. Pollini. Impiantate 668 lampade ad incandescenza e 8 ad arco. Motore a vapore da 40 cavalli e un motore idraulico di 40 cavalli.

Fornace della Cooperativa di Fabbricanti di stoviglie in maiolica e litargirio.

Fornace della Ditta Rosetti Attilio di Forlimpopoli, terrecotte ornamentali.


Ditta Becchi Pietro di Forlì, per la produzione di stufe, caminetti e caloriferi in terracotta.


Vernici di Manoni Stefano in Forlì, due lavoranti con motore a vapore di quattro cavalli.


Fiammiferi di legno di Morgagni Aurelio in Forlì, con 25 operai

Candele steariche, di cera e di sego e sapone da bucato. Ditta Conti Pompeo in Forlì, motore a vapore di 2 cavalli , ed occupa 5 operai.

Candele di sego di Bertaccini Sebastiano, in Meldola , con 2 operai.

Fabbriche varie di sapone comune e da bucato, in Forlì: ditte Paolo Pinchetti ( 7 lavoranti), Baldoni Oreste, Fussi Raffaele, Silimbani Carlo.

Fabbriche di Zucchero

Prevista per l'agosto del 1900 l'inizio della produzione per la Eridania di Genova che sta ultimando uno stabilimento nei pressi della stazione ferroviaria di Forlì, per l'estrazione dello zucchero dalla barbabietola.

Acque minerali artificiali

In Forlì operano Strocchi Achille (l'azienda è dotata di motore a gas da 1 cavallo, occupa 3 operai) e Giuseppe Ravaioli (l'azienda è dotata di motore a gas da 1 cavallo, occupa 2 operai).

Brillatura del riso

A Forlì opera la Ditta Rinaldi & C. ( l'azienda è dotata di due motori idraulici da 12 cavalli complessivi ed occupa 4 operai); a Meldola esercita la Ditta Neri Federico & C. (l'azienda è dotata di due motori idraulici da 8 cavalli complessivi ed occupa 3 lavoranti); a Fiumana esercita la Ditta di Torri Domenico (l'azienda è dotata di un motore idraulico da 4 cavalli complessivi ed occupa 3 operai).

Fabbriche di paste da minestra

A Forlì opera Manoni Mentore, con attrezzature condotte da un motore a gas, più una decina di aziende dove la lavorazione avviene a forza di uomini o di animali.

Lavorazione delle carni suine

Solo a Forlì i cinque principali produttori (fra cui emerge la Ditta Vallicelli Eugenio) producono annualmente 5 quintali di salumi.


Conserve alimentari

In Forlì la Ditta Ceccarelli Giunio & C. produce tartufi conservati, occupa 4 lavoranti; la Ditta Casali Cesare produce pomidoro naturali in scatole di latta, occupa 2 operai.

Confetture e liquori

Di scarsa importanza per tutta la Provincia, esiste una a Forlì una fabbrica di confetture .

Trattura della seta

A Forlì operano due filande a vapore: Ditta Giuseppe Brasini & C (l'azienda è dotata di una caldaia fissa da 25 cavalli , motore a vapore da 6 cavalli e 90 bacinelle a vapore tutte attive, occupati 158 lavoranti); Ditta Tonducci Giuseppe (l'azienda è dotata di una caldaia a vapore fissa da 15 cavalli, motore a vapore da 4 cavalli e 40 bacinelle a vapore tutte attive, occupati 69 lavoranti). Prevista l'apertura della attività della Ditta Tomiselli Mario. A Meldola operano le Ditte Ciro Ronchi e la Ditta Amici Giovanna.

Tessitura del cotone, del lino e della canapa

A Forlì opera la Ditta Saiani Cesare succ. Rapa Michele (l'azienda dispone di 40 telai ed occupa 40 lavoranti).

Fabbricazione e lavorazione del feltro

A Forlì esercita la ditta Giuseppe Bonavita. Dispone di un motore a vapore da 20 cavalli ed occupa 70 lavoranti .

Industria tessile casalinga

Nel Circondario di Forlì sono presenti 541 telai (su 6641 telai dell'' intera Provincia di Forlì, con una media di 108 giorni di lavoro all' anno contro una media di 77 giorni della Provincia).

Fabbriche di cappelli

A Forlì operano  la Ditta Fratelli Zanotti (cappelli da sacerdote) e la Ditta Cicognani Luigi (cappelli Merinos).


Concerie di pelli

A Forlì operano la Ditta Fabbri Francesco (occupa 16 operai) e la Ditta Verzaglia Antonio (occupa 8 operai).

Cartiere

A Civitella di Romagna opera la Ditta di Bernabei Annibale; essa dispone di una macchina a tamburo da 12 cavalli ed occupa 112 lavoranti per 200 giorni in media all' anno.

Tipo-litografie

Operano a Forlì le Ditte Danesi Balilla e Mariani Secondo.

Litografia

Ditta Baratti Oreste, ora passata al Conservatorio di San Luigi di Forlì.

Tipografie

Operano le Ditte Bordandini Luigi e Croppi G.B..

Fabbriche di mobili in legno

Opera in Forlì la Società Cooperativa Falegnami, con 34 soci.
Intarsio, mobili di lusso, cornici: opera in Forlì la Ditta Prati Antonio con 4 lavoranti.

Fabbriche di biliardi

La Ditta Artusi Primo opera a Forlì, occupando 4 operai per 300 giorni in media all'anno.


Fabbriche di carri, carrozze

Ditta Montanari Achille, Ditta Fratelli Soprani e Ditta Ruffilli Domenico.

Fabbriche di strumenti musicali

A Forlì opera la rinomata Ditta Paganini Luigi e Giuseppe, coadiuvati da un apprendista.

 

1926

INDUSTRIE

CHIMICA
METALLURGICA 
FOTOGRAFICA 
ABBIGLIAMENTO  
ALIMENTAZIONE
MOLITORIA DEI CEREALI
TIPOGRAFICA 
PICCOLA INDUSTRIA E ARTIGIANATO

 

INDUSTRIA CHIMICA

Zuccherificio Eridania 

Della Eridania Società Anonima Industriale, lo stabilimento di Forlì fu fondato nel 1900, con macchinario fornito dalla tedesca Hallesche Maschinenfabrik di Halle a Salle.
1911-1912 Ampliamento dello stabilimento e sostituzione dei macchinari con i nuovi provenienti dalla Breitfelda Danek di Praga.
1919 Costruzione della Raffineria.
Le reti ferroviaria interne, ferroviaria e tramviaria, di oltre un chilometro di sviluppo ciascuna, si allacciano alla Ferrovia di Stato e alla Tramvia di Romagna.

Industrie Chimiche della Ditta Carlo Croppi

Acqua Fratta
1846 divenne proprietario della "Acqua Fratta", situata in località Fratta a due chilometri da Meldola, la Ditta Croppi di Forlì.
1849 definita dalla Commissione delle Consultazioni Epidemie, della Società Medico Chirurgica di Bologna, "... purgativa più possente della Tettucciana, della Martinelli, della Leoniana…".
1851 rapporto scientifico pubblicato dalla Società Medico Chirurgica di Bologna, riportante la "presenza di sali bromuri e ioduri".
Acqua iodio-arsenicale di Rio Salso
situata a sette chilometri dalla stazione di Forlimpopoli, quattro chilometri da Bertinoro e da Polenta.
1870 primi scavi, costruzione di una grande vasca di deposito munita di pompe.
Prima prova eseguita dal Dottor Alessandro Amaducci di Bertinoro, su un bambino affetto da rachitismo.
1913 Medaglia d'oro all'Esposizione di Genova.
1914 Gran Prix all'Esposizione di Parigi.
Olio di Ricino Raffinato
Pregevole specialità di olio di ricino a " doppia purificazione".

Ditta Dott. Igino e Michele Giovanetti 4

Prodotti chimici e farmaceutici.
Apertura nel 1900 di un grande magazzino in via Mazzini 17.
Principalmente Ditta commerciale, prepara la spedizione dei medicinali che vengono distribuiti alle farmacie delle città vicine, come Ravenna, Cesena, Rimini, Pesaro.

Industria dei Colori di Stefano Manoni

Sorge, ad opera di Dario Manoni, nel 1830, nel Palazzo dei Conti Savorelli in via Delle Torri. Alla morte di Dario, avvenuta nel 1885, succede il figlio Stefano. A memoria delle "ricerche" e della professionalità della Ditta, si ricordano: la capacità di "costruire" molti colori a base chimica; l'innovazione che rendeva malleabile il minio, per alcuni mesi; le varie onorificenze, fra le quali il Gran Premio Croce di Onore e Medaglia D'Oro della Esposizione Internazionale dì Industria, Commercio, Agricoltura, Invenzioni Moderne, 1911, di Roma.

Saponifici

Paolo Pinchetti impiantò in Sobborgo Schiavonia (Garibaldi, 159), nel 1843, una delle più antiche fabbriche di saponi. Attuale produzione (1925) sapone marmorato bleu di prima qualità; sapone all'oriente; sapone venato tipo inglese; sapone verde all'olio e sapone resinato. Si commercia anche un sapone bianco e inodore igienico, denominato dal popolo "Babacci", in onore del defunto Primario dell'Ospedale che lo consigliava per la pulizia personale.
Ditta Conti-Successori Santarelli sobborgo Mazzini.
Ditta Ravajoli Domenico.
Ditta Bolognesi.
Fratelli Flamini, produttori anche di candele.


Tintoria Americana Pendoli Poggiali

In Corso Saffi angolo Sarah Levi Nathan, fondata nel 1870 da Francesco Samorè, tornato dall'America dove era emigrato. Successivamente la Tintoria viene ceduta al Signor Ernesto Utili, appassionato studioso dell' arte tintoria. Nel 1914 l'Utili fa pubblicare un manuale di insegnamento pratico per smacchiare, lavare, tingere, apprettare, stirare, imbiancare, insaldare, decolorare i tessuti, con insegnamenti per la lavorazione delle pellicce, piumaggio, paglia, trucioli, tessuti, filati, cappelli, panama… Successivamente la Ditta passa ai Sigg. Pendoli e Poggiali.
1910 Diploma di Gran Premio e Medaglia d'Oro, nella Esposizione dei Prodotti Agricoli Industriali, a Roma.

 

INDUSTRIA METALLURGICA

Officine di Forlì

Fondazione come "Società Anonima d'Industria pel Gas e Fonderia di ferro" nel 1863. Successivamente sotto proprietà della Cassa Dei Risparmi di Forlì.
1895 passaggio di proprietà all'ing. E.Forlanini.
1925 la Proprietà è dei Sigg. ing. E.Forlanini e A.Bellonci.
1898 (in poi) la sede amministrativa e strategica è a Milano.

Società Anonima Romagnola Costruzione Macchine da Stampa

Viale A.Fratti, 89. Fondata nel 1924.
Costruzione macchine da stampa.


Stabilimento Elettro-Galvanico Briccoli e Pezzi

Via E.Valzania, 9. Fondata nel 1919.
Galvanizzazione dei metalli.
Pulitura e nichelatura delle parti metalliche di biciclette ed automobili.

Officina Elettro-Meccanica Fratelli Raffucci

Viale A.Fratti, 3. Fondata nel 1920.
Officina con garage. Riparazione impianto elettrico, luce ed avviamento, a qualunque tipo di autovettura. Riparazione di magneti e carica di accumulatori.

Ditta Gio. Felice Valentini

Via Mazzini, 29. Trasferita da S.Pietro in Trento (Ra) a Forlì nel 1909. Fabbrica cicli e telai. Cicli: Enderson, Florida e Lowe.


Attilio Zavatti

Sobborgo Saffi, 88. Inizio attività 1915.
Officina meccanica per la costruzione di biciclette di diversi tipi: Marche Muller e Zaf.

Ditta Bianco Servadei

Via Garibaldi, 16. Fondata nel 1910.
Concessionario per la provincia di Forlì della Società FIAT di Torino. Garage FIAT, P.le A.Fratti. Inizio lavori 1922, reparto a disposizione della SITA, Società Italiana Trasporti Automobilistici.

Pini Aurelio

Corso Garibaldi, 9. Inizio attività 1910.
Officina, automobili, rifornimenti, noleggi.

Officina Meccanica Bagnoli e Fabbri

Via Carlo Matteucci, 36. Fondata nel 1921
Costruzioni meccaniche. Riparazioni di macchine agricole ed industriali. Garage Centrale, via Mazzini. Officina meccanica. Rifornimento gomme Pirelli, lubrificanti, combustibili e pezzi di ricambio di ogni genere.

Paganelli Bruno "artista del ferro".
Fabbricazione di cancellate.

Officina Frizzo e Mingozzi

Via Caterina Sforza, 8.
Costruzione e riparazione di radiatori da automobile, parafanghi …

La Vulcanite

Via Domokos. Fondata da Mario Vergimigli nel 1920
Ricopertura, riparazione e riduzione di qualsiasi tipo di copertura per auto e moto.


Brigantini Cesare

Via Bufalini, 9. Fondata nel 1923.
Impianti per riscaldamento a circolazione di acqua e a vapore a bassa pressione. Impianti di camere sanitarie. Fabbricazione di caldaie economiche per bucato e per preparazione di mangimi per bestiame da ingrasso. Lavorazione in rame e ottone per impianti di distilleria.

Ditta Otta e Bonetti 

Prima in P.zza XX Settembre e poi in via Dell' Aste. Risale al 1900.
Reti metalliche. Fabbricazione di mobili in ferro.


Stefano Focaccia

P.zza Guido Da Montefeltro. Inizio attività 1925.
Laboratorio per la verniciatura di automobili e carrozze.

Telemaco Casadei & Monti Italo

Via Beccaria, 3. Inizio attività nel 1925.
Riparazione e costruzione biciclette. Reparto speciale per la saldatura autogena.

Guiduzzi Rodolfo

Via Bufalini, 9. Inizio attività nel 1925. Mobili in ferro e rete metallica per recinti.


Ditta Carmellini Primo

P.tta Alberto Mario, risale al 1884.
Officina per la costruzione di biciclette aperta in Sobborgo A.Saffi. Armi da caccia. Rappresentanza delle case di cicli: Adle, Roland, Cleveland, B.S.A, Bianchi, Stucchi.

Fusconi Quinto

Apertura officina in p.zza Marco Melozzo, nel 1921.
Costruzione delle biciclette di marca Lyegie. Invenzione di un freno speciale sulla ruota posteriore.

Zavatti Alvaro

C.so V. Emanuele, 17. Inizio attività nel 1921.
Negozio per pezzi di ricambio ed accessori per cicli, motocicli ed automobili. Officina meccanica per riparazioni. Deposito per smercio oli e benzina. Pompa distributrice della Benzina Lampo. Noleggio automobili. Corsi teorico-pratici per sostenere gli esami per la patente di "Chauffeur".

Dott.Giovanni Leonardi

P.zza XX settembre.
Deposito di macchine agricole della Marca Rud Sack.

Sbaragli -Arcangeli

Via Volturno, 6. Officina aperta nel 1925.
Riparazione motocicli.

Garage Babini Federico

Via Fratelli Bandiera, 8. Ha origine nel 1920.
Officina con servizio di autotrasporti.

Rossi Armando

Via Masini, 3. Inizio attività nel 1922.
Riparazione e carica degli accumulatori elettrici, delle dinamo, dei magneti, dei motori e dell'equipaggiamento elettrico in genere delle automobili. Esecuzione degli avvolgimenti nelle macchine elettriche.

Piccinini Cesare

Via Mazzini, 25. Inizio attività nel 1902.
Commercio velocipedi e officina vendita lubrificanti. Direzione Agenzia generale del Veedol. Accessori, pezzi di ricambio, gomme e quanto necessario per la industria dei cicli. Costruzione biciclette Marca Lyon.

Fratelli Cimatti

C.so V.Emanuele, 7. Inizio attività nel 1922.
Commercio motocicli, gomme, lubrificanti, pezzi di ricambio e accessori. Rappresentanza dei motocicli Harley-Davinson, Moto Guzzi, A.I.S. e Matchless Rappresentanza gomme Goodyear e Pirelli e olio Veedol. Rappresentanza ammortizzatori Ercoli per motocicli e automobili.

I.C.A.T Industria Cicli, Lombardini e Bottini

P.zza XX Settembre, 5. Fondata nel 1925.
Costruzione di velocipedi completi di Marca "Suprema". Fornitura manubri e freni a meccanici e rivenditori.

Moretti Domenico

Via Allegretti, 6. Inizio attività 1915.
Officina meccanica per la riparazione e costruzione di cicli.

Fratelli Poni

Via Garibaldi, 81. Fondata nel 1921.
Officina meccanica per riparazioni di automobili.

Officina Meccanica Viroli & Girelli

Già Rosetti Vincenzo. Riparazione e costruzione biciclette. Vendita cicli e motocicli. Rappresentanza Moto Releigh.

Pinza Romeo

P.zza Flavio Biondo. Officina aperta nel 1915.
Costruzione e riparazione macchine agricole. Deposito materiale e attrezzi.

Vicini Nicola

Ex Oratorio San Luigi in via Mattioli, 16. Inizio attività nel 1922. Lavorazione in filo di ferro doppio Fabbricazione reti per recinti, gabbioni per fiumi, di corde spinose, di pali e cancelli di ferro.

Battaglia Vitaliano

Via Maroncelli, 8. Dal 1922 in via Mazzini 1.
Incisioni su metalli in genere, placche per porte, timbri a secco a tampone e a fuoco, stampiglie, monogrammi su oro e argento. Costruzione e riparazione di bambole e giocattoli in genere.

Avoni Nino

Via Hercolani, 1. Fondata da Avoni Carlo nel 1848, poi dei figli Giuseppe e Ercole, e dal 1924 al figlio di Ercole Nino. Lavorazione di cancellate, inferriate, serrature e di quant'altro si costruisce in ferro.

Pasini Armando

Via Orgogliosi, 4. Fondata nel 1916.
Lavorazione del ferro in genere, cancellate in genere.

Ruggero Servadei

Via Masini, 10. Agenzia aperta nel 1905.Agenzia Moto Indian, officina per la riparazione dei moto cicli.

Morgagni Primo

Officina Meccanica, via Fratelli Bandiera, 7. Fondata nel 1919.
Costruzione e riparazione di macchine agricole in genere. Impianti a trasmissione. Impianti d'acquedotti. Pompe centrifughe.

Officina Fiorini Lorenzo

Via Emilia Morosini. Fondata nel 1919 in via Moscatelli.
Riparazione di macchine trebbiatrici e locomobili.

Gardini Alvaro

Via Felici Orsini, 6. Fondata nel 1919.
Costruzione e riparazione di biciclette di marca Laval. Ideazione e montaggio della "bicicletta a motore" di marca Gardini D.K.W, con motore importato dalla Germania.

G.Calegatti e Figli

C.so V.Emanuele. Fondata nel 1900.
Costruzione del completo mobilio in ferro per l'arredamento di sale operatorie. Costruzione del "tavolo-letto operatorio meccanico per alta chirurgia" ideato dal prof. Sante Solieri Primario dell'Ospedale Civile di Forlì, del letto-tavolo operatorio modello "Stille" perfezionato dal prof. Porta, della sedia-letto per visite e operazioni modello "Rossi", ...

 

INDUSTRIA FOTOGRAFICA

Fotografia B.Canè

Aperta nel 1861 in c.so Cotogni (V.Emanuele), 17.

Fototecnica Emiliana

Di Franco Galucci, via Saffi, 5. Inizia l'attività nel 1922.
Produzione, ingrandimenti, fototecnica, smalti, lavori fotografici industriali. Notevole la produzione di ceramiche per cimiteri.

La Fotografia Milanese

Di Giovanni Limido, fondata nel 1908.
Specializzato in ingrandimenti.
I locali, distinti e signorili, sono decorati dal pittore forlivese Cav. Giovanni Marchini. Reparto adibito a stampa e sviluppo per dilettanti, con mostra di apparecchi ed accessori. Succursali a Meldola e a Rocca San Casciano.

Studio Fotografico Edgardo Zoli

In v.le Bovio 4, quartiere S.Pietro. Inizio attività nel 1921.
Introduce il tipo di lavoro denominato "Fluo". Fotografo ufficiale in tutte le cerimonie.

Studio Fotografico Corrado Celli

"Elegantissimo Studio Fotografico" aperto nel 1918 in via Cesare Battisti.
Uso dell' "aerografo" per il "ritocco" con il sistema del "pennello ad aria compressa". In occasione della venuta a Forlì di S.A.R. il Principe del Piemonte, il 17 maggio 1925, il Celli sviluppò, stampò e, ordinate in un elegante cofanetto, consegnò a S.A.R una serie di 16 fotografie scattate in occasione della inaugurazione del Campo Sportivo Tullio Morgagni, fra le ore 9 e le 15,45, suscitando la "meraviglia delle autorità ivi presenti e il plauso della cittadinanza".

 

INDUSTRIA DELL'ABBIGLIAMENTO

Ditta G.Romanini

Fondata nel 1920, con un capitale di £. 400.000, allo scopo di produrre i surrogati del cuoio "pegamoidi".
Nel 1925 erano occupate 50 persone.

Calzaturificio Sandalificio "Trento"

Dei F.lli Battistini, in via E.Dandolo. Fondato nel 1915.
Nel 1925 occupa 200 operai e 6 impiegati.Si rifornisce, oltre che dalle ditte di conceria dell'alta Italia, in Inghilterra Svizzera e Germania.

Calzaturificio Montanari

Ha origine nel 1921 con sede in via Moscatelli 13, e poi al numero 3.
Reparti: tagliatura, aggiuntatura, montaggio, montaggio macchine e finissaggio. Nel 1925 occupa 35 operai.

Calzaturificio Tirapani Adolfo Fondato nel 1916.

Calzaturificio Cesira Tassinari

Aperto da Garavelli Pietro, nel 1915, in viale Bovio 18.Lavorazione a mano.

Industrie Calzature a Mano, Giovanni Saviotti & C.

Via Mazzini, 24.
Lavorazione di scarpe a mano per uomo.

Cooperativa Sarti

Via Piero Maroncelli, costituita da 10 soci nel 1920.
Confezione indumenti e vendita della stoffa. Fra i clienti annovera il corpo delle Guardie di Polizia Urbana, il corpo dei Pompieri e l' Orfanotrofio Maschile.

Industria Mobili

Aperta da Zambianchi Domenico nel 1922, in C.so V.Emanuele, 2.
In precedenza, nel 1910, di ritorno da Milano e da Vienna, aveva messo a frutto la sua esperienza aprendo un laboratorio di tappezzeria. .Negozio per l' esposizione permanente di mobili da stanze da letto, da pranzo, salotti, anticamere, studi…; corredato di soprammobili, di stoffe, velluti, passamanerie, lane, materassi finissimi… In via Baratti si estendono i laboratori.

Ditta Cicognani Giovanni

Il Mare dei Mobili, industria aperta in via Leone Cobelli, nel 1925.

 

INDUSTRIA DELL'ALIMENTAZIONE

Ditta Spazzoli Antonio

P.zza Saffi, fondata nel 1830.
Forno a legna fino al 1910, poi forno a fuoco continuo (riscaldamento a vapore) della Ditta Werner e Pfleiderer di Constatt.
Produzione, nel 1925, DI 10 quintali al giorno con 6 operai. Produzione di pane comune, pane francese, pane al lievito di birra, pane all'olio, pane di segala, grissini, panini al burro e al miele, dolci. La succursale sorge nel 1880, in P.zza Saffi nel Loggiato dei Signori; si vendono molte specialità alimentari.

Pastificio Laziosi.

In via Maurizio Quadrio, fondato nel 1890.
Produzione di pane fino al 1903, successivamente, produzione di pasta. Per prima, nella regione, ha adottato essicatoi meccanici moderni, prodotti dalle Officine di Forlì. Nel 1925 sono occupati 8 operai.

Premiato Pastificio Moderno Mazzanti Amedeo

Fondato nel 1913 in via G.Garibaldi 59, poi trasferito, nel 1922, in p.zza Garibaldi.
Potenzialità di produzione di 10 quintali di pasta al giorno. Produzione di pasta tipo "Bologna" per la vendita al dettaglio e la esportazione in tutta la Romagna.

Pastificio Bacchilega Faentino

Inizio attività nel 1898, rinnovato nel 1919.
Paste da vendere, fresche all'uovo.10-12 quintali di pasta lavorata al giorno con 4 operai occupati.

Fabbrica per la Produzione di Marmellata

Fondata da Narsete Laghi nel 1919, attigua allo stabilimento S.A.I.S. Società Anonima Industria Salumi.
Produzione nel 1919 di 200 quintali di amarena e 300 quintali di marmellate. Produzione nel 1925 : di 500 quintali di amarena, 1500 quintali di marmellate e 1000 quintali di sciroppo. Dotata di denocciolatrice, caldaie a vapore a doppio fondo e del "vacuum" per la concentrazione nel vuoto secondo il procedimento in uso per la conserva di pomodoro.

Gardelli Raffaele e Figlio

Inizio attività nel 1896.
Fabbricazione mostarda con frutti canditi, composta di frutta, zucchero e di una piccola percentuale di barbabietola zuccherina aromatizzata con cedro ed arancia.

Altri produttori di paste alimentari, 1925 :

Morini Paolo, via Mazzini 79;
Tassi Giuseppe, via Garibaldi 79;
Fiumani Virginia, via Maurizio Quadrio 1.

Forni, 1925:

Angelini Emilio, via Baratti 45;
Baldrati Vincenzo, via Garibaldi 96;
Bassi Domenico, via Mazzini 44;
Bedei Aurelio, via Garibaldi 83;
Bedei Tommaso, via Savonarola;
Briganti Biagio, sobb. Saffi 94;
Bulgarelli Alfredo, via Mazzini 28;
Ferlini Vincenzo, via Bonatti 29;
Francia Andrea, via Garibaldi 77;
Fusaroli F.lli, via Cornelio Gallo 39;
Gatta Pellegrino, via Carlo Cattaneo;
Ghetti Ateo, Villafranca 127;
Giulianini Severino, via Silvio Pellico 25;
Merendi Zefirino, sobb. Garibaldi 90;
Monti Aurelio, via Mazzini 19;
Poletti Anna, p.zza Garibaldi 6;
Ravaioli Nicola, via Saffi 35;
Roberto Roberto, Ronco 4;
Riva Cleope, Forno Bolognesi via Mazzini 50;
Zaniboni Sesto, via Achille Cantoni 5.

Pasticceri, 1925:

Fusaroli Silvio, via Garibaldi 37;
Marocco Ignazio, via Mentana 1;
Rolli Riccardo, via Mazzini 29;
Dalmonte Amelia, via Mazzini 15;
Dozza Dante, p.zza Aspromonte 2;
Gambi Tina Giulia, via Mazzini 42;
Giunchi Pasquale, via Mazzini 13.

 

INDUSTRIA MOLITORIA DEI CEREALI

Mulini situati lungo il percorso dei due canali di Ravaldino e di Schiavonia.

CANALE DI RAVALDINO Derivato dal fiume Rabbi presso S.Lorenzo in Noceto.Molino Bastiano; Molino Bassa passato S.Martino in Strada, provvisto di una pileria da riso; dopo un chilometro il Molino del Fico e poi in Località Ca'Ossi il Primo Molino; poi dentro la città, il Molino Faliceto in via Caterina Sforza; Il Molino della Ripa e il Molino della Grata; poi il Molino Pestrino per la macinazione delle vernici per la Fabbrica delle stoviglie della Ditta Visani; dopo cinquanta metri il Molino Pellacano successivamente il canale fornisce l' acqua allo zuccherificio Eridania; in aperta campagna, verso Barisano il Molino Nuovo anticamente di proprietà della famiglia Hercolani; infine il Molino di Coccolia di proprietà del Sig. Spadoni. Infine il canale,dopo un percorso di 20 chilometri, sfocia nel fiume Ronco.

CANALE DI SCHIAVONIA Inizia dalla chiusa di Ladino sul Fiume Montone, in Frazione Villa Rovere. Alimentava l'irrigazione degli orti nella zona S.Varano-Romiti e i quattro molini: Molino di S.Varano (unico in attività nel 1925), Serraglio (nel 1925 utilizzato dalla Società Elettrica Romagnola), Torello e Ponte. Il Canale, dopo un percorso di 6,5 chilometri, confluisce nel Montone a ridosso della città quasi di fronte alla via Giovita Lazzarini.

Molino Antonio Tesorieri , Figli e C.  

Costruito nel 1884 dai sigg. Bolognesi e Guberti con 4 macine a forza-vapore e con un impianto ridotto ad alta macinazione. Nel 1901 viene installato, primo in Romagna, un impianto elettrico che sostituì il vecchio a vapore.

Ditta Aristide Bolognesi

Molino a cilindri fondato nel 1900, in via Mazzini 101. Dotato di motore a gas povero di 30 cavalli, con cui macinava 50 quintali di grano al giorno. Nel 1913 il molino era completo di motori elettrici e motori sussidiari a gas, potendo macinare fino a 90-100 quintali al giorno. 

MOLINI PER CEREALI
Carpinello, 1911 Cooperativa Agricola Molino Nuovo (cooperativa di lavoratori);
Carpinello, 1910 Cooperativa Molino Vecchio (cooperativa di coloni e braccianti);
Ronco, Gardelli Brigliadoro;
Villanova, Bertini Tommaso;
Romiti, Bedei Archimede;
Fillafranca, Cooperativa Coloni;
Vecchiazzano, Gatta Domenico;
Villagrappa, Valpondi Vincenzo. 
Ditta Monti & C. 1908, fondazione della Ditta per l'esportazione del pollame. 1925, sono occupatE 40 donne e 15 operai.

Fabbrica del Ghiaccio Cristallino  

Il Cav. Gilberto Gilberti assume l' incarico di controllo di un deposito di birra Itala Pilsen di Padova a Forlì per l' intera provincia. Viene Impiantata una fabbrica di ghiaccio artificiale. 1924 inizio funzionamento del deposito.

Industria Torrefazione Forlivese

Viale A.Fratti, 46. 1922 fondazione ad opera del Sig C.Vitali

 

INDUSTRIA TIPOGRAFICA

Tipografia Sociale Succ. Bordandini

1490 F.lli de Gregori
1535 F.Marcolini ( Venezia)
1500 Paolo de Guarini e Giovanni d'Areggio
XII secolo Giovanni, Paolo e Giuseppe Selva , Cimatti , F.Suriani, Dandi e Saporetti
XIII secolo Marchesi, A.Fabbri, Marozzi, Barbiani e Bordandini
XIX secolo Aldo Bordandini, vedova G.Randi, editore Febo Gherardi, L.Bordandini. 1908 Giuseppe Bordandini.

La Poligrafica Romagnola

Via F.lli Bandiera, 8. Sotto la direzione di Giuseppe Bordandini.1908-09 acquisto di una Linotype a tre magazzeni.

Tipografia Democratica

Sorta nella seconda metà del XIX secolo ad opera di Antonio Danesi, situata in una delle botteghe sotto la Loggia dei Signori.

La Società Tipografica Commerciale

Via Mazzini 25. Sorta nel 1898 ad opera di Giovanni Medri, Zampighi Carlo, Galetti Antonio e Strumia Cesare. Diretta attualmente (1925), da Galetti Antonio e Strumia Cesare. 1904 Diploma con medaglia d'oro alle Esposizioni di Ravenna per lavori tipografici commerciali. 1907 Diploma con medaglia d'oro all' Esposizione Generale del Lavoro a Bari.

Tipografia Rosetti

1903 sorge in via Masini, 1 col nome "Tipografia Rosetti-Salvioli".
1906 unico proprietario rimane il Sig. Antonio Rosetti.
1909 trasferimento in via U.Bassi , 5 , mantenendo il precedente locale come cartoleria. " Tipografia Cartoleria Rosetti".
1914 trasferimento in via V.Emanuele, 12.

Stabilimento Tipografico Romagnolo

1905 è fondata dal Sig. Silvio Lombardini, già segretario comunale a Modigliana. Specializzata nella fornitura di stampe alle Pubbliche Amministrazioni.

Stabilimento Tipografico G.B. Croppi

Via Nino Bixio 3, fra i più antichi stabilimenti tipografici di Forlì, appartenne ai Fratelli Casali, al Prugnoli e Croppi, e infine a G.B.Croppi.

La Cooperativa Tipografica Forlivese

Sorta in via Solferino 3, alla fine del 1910. Trasferita, dopo la guerra, in c.so V.Emanuele 42.
Premiata nel 1921 alle Esposizioni Romagnole Riunite.

Tipografia Pietro Valbonesi

Via Garibaldi 43, aperta nel 1896 dal Rev. Don Pietro Solfrini e ceduta poi a Montanari Domenico. Nel 1912 passa a Pietro Valbonesi. Mario Zimelli nel 1922 rileva da Santucci Primo la tipografia situata in via Cesare Beccaria, 5. Lavori commerciali e di lusso.

Tipografia Operaia 

Via Merlini e Torelli. Iniziata nel 1920 da Angelo Raffaelli, unico proprietario dal 1922. Premiata nel 1921 alle Esposizioni Romagnole Riunite.

Tipografia Corrigendi

Presso l' Istituto dei Corrigendi.

 

PICCOLE INDUSTRIE E ARTIGIANATO

Fabbrica di Biliardi Artusi Giovanni

Via F.lli Bandiera, 3.
1820 - 1830 costruzione del primo biliardo da parte del falegname ebanista Martini Danesi (garzone di bottega del Martini) succede al Martini; poi si ricordano i f.lli Ricci.1885 morte di Danesi. Successivamente Artusi Antonio raccolse l' eredità artistica del Danesi.
1885 - 1913 costruzione di 80 biliardi.
1913 - 1925 costruzione di 128 biliardi.

Ditta Busi e Goberti

C.so V.Emanuele, 89. Laboratorio in via F.Ferrer, 1.
Costruttori, accordatori e riparatori di pianoforti di marca estera e nazionale.

Ceramiche Visani

Via Mazzini, 107. Per la fabbricazione di maioliche e stoviglie.

Ceramica d'arte Giulio Vio

Via Degli Orgogliosi. 1921 partecipazione alla Esposizione Romagnola Riunita.1925 partecipazione alla Esposizione Internazionale di Arte Decorativa, a Monza.

Ditta Mingozzi Sante

Laboratorio in via Savorelli,1 e negozio in c.so Mazzini, 3. Fabbricazione di pipe brevettate di radica: l'una con aspirazione indiretta con serbatoio depuratore, l'altra con un sistema ingegnoso di conduttura, mediante il quale il fumo è costretto a compiere un giro serpeggiante di circa quattro volte la lunghezza della cannula.

Cuoi Artistici Violani Clara in via Missirini.

Tessitura di damaschi Fannj Tarlazzi

XIII secolo, inizio attività con un centinaio di operaie e 50 telai. Alla famiglia Ricci succede la sig.ra Tarlazzi, già Direttrice.

Liutai Forlivesi

1830 ca.. Secondo Paganini produce imitazione dei violini Stradivari, Amati e Guarnieri; successivamente la sig.na Anna Guarnieri, nel 1915-20 Barbieri Armando e Tramonti Rodolfo.

Lavanderia Moderna

Via Marsala 16, 1925 (1 ottobre) fondata dal Sig. Ravajoli Giuseppe. La lavanderia dispone di lavatoio a tre vasche in cemento armato, sciacquatrice meccanica, due caldaie per la sterilizzazione per la biancheria, un idrostatore.

Tintoria Pascucci

Via C.Cattaneo, 26. Aperta nel 1921 e condotta dai coniugi Pascucci.

Ravaioli Giovanni

Lavorazione di cordami e canape in genere. Nel 1864 Ravaioli Antonio dà inizio alla attività, in via Battuti Verdi, 40.
1910 subentra il figlio Giovanni.1911 trasferimento dell'attività in corso Mazzini 81. Medaglia d'argento all'Esposizione Regionale Romagnola di Ravenna e Gran Premio per cordami lavorati a mano all'Esposizione di Roma del 1911.

Tumidei & Savorani

Fondata nel 1826. Bottega per la vendita di cordami. Industria delle Tele Stampate (a tinta ruggine). "E' da augurarsi che questa industria cittadina possa convergere in una unica impresa, che pur salvaguardando e modificando con genialità un patrimonio tradizionale, dia affidamento di serietà nel mercato, garantendo l'eccellenza del colore e la caratteristica della linea" (Monografia industriale di Forlì, 1926).

Scuola di Tessitura a mano

Sede in via A.Saffi, 11. 1923 anno di fondazione, a cura delle Signore Agresti Lorenza, Briccolani Bandini Ida, Gaddi Pepoli c.ssa Lidia, Guarini c.ssa Maria, Orsi Mangelli c.ssa Giselda, Panciatichi Alda e Paolucci M.na Livia. 1924 inizio attività. Partecipazione alle Fiere Campionarie di Milano e Padova, alla Esposizione Industriale di Fiume, e alla Mostra Biennale di Monza. Medaglia d'oro del Sindacato Nazionale di Milano.

Carrozzeria e Ruotificio A. Montanari

Ereditata dal padre nell'anno 1900. 1920 trasferimento della sede da via C.Beccaria alla via Chiavicone, confinante con la linea ferroviaria.

Carradori, F.lli Soprani nel sobborgo Mazzini e Bartoletti di Carpinello , produzione del "plaustro " romagnolo.

Carrozzieri, Mariano Tommaso di Villanova.

Carride di vario tipo, Utili Francesco nel sobborgo Garibaldi.

Industria delle maglieria, operano diverse professioniste :

Sorelle Cangini, via F.Anderlini 14;
Maria Graziani, con laboratorio in via Dell'Aste e negozio in via A.Saffi e G.Garibaldi;
Monti Giulia, in via Garibaldi 132;
Baccarini, in via Garibaldi 1;
Focacci, in via P.Bonoli.

Attrezzi Apistici, Montevecchi Ugo in via Mazzini.

Lavorazione del Feltro, di Lenni Ettore e Figlio in via Della Rocca, "... piccola industria sorta per imitazione della grande Ditta Bonavita …".

Cappelli da Prete, della Ditta F.lli Zanotti in C.so V.Emanuele.

Imballaggi, di Fuzzi Francesco in via Dandolo. Fabbrica di gabbiette da frutta a fondo incastrato. Operano altri, fra cui Casadei Oreste in via Della Rocca.

Mastelle e Bottame vario, operano Zanotti Guglielmo (Borgo Mazzini), Clabacchi Antonio e Fiammenghi Romeo.

Bilance, Pesi e Misure, opera Savini Domenico.

Falce, Pennati, Roncole e simili, ad opera di Bagiani Giuseppe nel Sobborgo Garibaldi.

Ombrelli, di Diana Lorenzo in P.zza Saffi.

Valigeria e Generi Affini, di Panzavolta Domenico in via A.Saffi.

Zoccoli, di Miserocchi Giuseppe in via Ravegnana.

Selleria, di piccola produzione, i sellai sono dediti più che altro alle riparazioni.