Unità Servizi Territoriali per Disabili - Comune di Forlì (FC)

Struttura Organizzativa | Area Servizi alla Persona e alla Comunità | Servizio Benessere Sociale e Partecipazione | Unità Servizi Territoriali per Disabili - Comune di Forlì (FC)

Unità SERVIZI TERRITORIALI PER Disabili


Sede:  Via Leone Cobelli, 31
Tel: 0543 712127

Responsabile: Giorgina Susanna Savoldi  - tel. 0543 712783
mail: susanna.giorgina.savoldi@comune.forli.fc.it  

Risposta telefonica Sportello Sociale: 0543.712888 (lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 13.30; martedì e giovedì dalle 8.30 alle 18.00)

Orario Sportello Sociale: lunedì, mercoledì, venerdì dalle 8.30 alle 13.30, martedì 8.30-18.00, giovedì 14.00-18.00.

CAAD
Sede:
Ospedale Morgani Pierantoni, Padiglione Allende presso l'atrio al 1° piano (piano rialzato)
Tel. 0543 731810
Orari di ricevimento: venerdì dalle 8.30 alle 12.30

Sede: Via Tina Gori, 58
Tel. 0543.712685 - Fax: 0543.712670
Orari di ricevimento: lunedì dalle 9.00 alle 12.00; martedì dalle 15.30 alle 17.30; venerdì dalle 8.30 alle 12.30
Venerdì 15 ottobre 2021 chiuso


Scarica il depliant del Centro per l’Adattamento dell’Ambiente Domestico 

Guida alle agevolazioni fiscali per persone con disabilità 

L'Unità si occupa di:

  • accesso alla rete dei servizi sociali e socio-sanitari per disabili e organizzazione degli interventi di servizio sociale rivolti a persone con disabilità e alle loro famiglie;

  • presa in carico e condivisione della progettualità con la persona disabile e/o la sua famiglia; gestione integrata con l’A.Usl degli inserimenti nei centri socio-riabilitativi residenziali e diurni, nei centri socio occupazionali e residenziali a minore intensità assistenziale;
  • interventi a sostegno della domiciliarità: assistenza domiciliare assistenziale ed educativa e all'erogazione dell'assegno di cura; attività connesse ad accompagnamenti e trasporti disabili;
  • interventi di inclusione sociale per persone disabili; coordinamento di “Spazio Comune” (rete di associazioni del territorio per la disabilità);
  • azioni di sostegno all’inclusione lavorativa; partecipazione alla definizione dei Piani Educativi Individualizzati in ambito scolastico e per i percorsi di transizione scuola-lavoro; interventi nei contesti scolastici ed extrascolastici: favorire la continuità di inserimento dai Centri Educativi (6/15 anni) ai Centri di Aggregazione Giovanili (dai 16 anni) o ad altre strutture del territorio;
  • interventi domiciliari educativi e assistenziali per minori disabili;
  • gestione contributi economici a sostegno della vita autonoma delle persone con disabilità, trasporto disabili, rimborso COSAP, ecc.e contributi per l’adattamento dell’ambiente domestico di anziani e disabili artt. 9 e 10 L. 29/97 e per abbattimento barriere architettoniche, acquisto adattamento veicoli e ausili; 
  • gestione centro informazione e consulenza per l’adattamento dell’ambiente domestico di anziani e disabili e gestione delle convenzioni con Associazione Italiana Sclerosi Multipla e con Associazione Volontari Sordi


Procedimenti:

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (106 valutazioni)