Funzioni - Comune di Forlì (FC)

Struttura Organizzativa | Direzione Generale | Funzioni - Comune di Forlì (FC)

Le funzioni attribuite al Direttore Generale

(ai sensi dell'art. 43 del "Regolamento sullordinamento generale degli uffici e dei servizi" approvato con delibera di G.C. n. 123 del 22/04/2010)

 

 

 

  1. Per il proprio funzionamento il Direttore Generale è supportato da specifiche unità di staff individuate nella struttura organizzativa dell'ente.


  2. Ai sensi dell'art. 108 del D.Lgs. 267/2000 Il Direttore Generale provvede a:

    a) supportare gli organi di governo nella fase di definizione delle linee di intervento e nella loro trasformazione in obiettivi strategici anche al fine dell'assunzione del Piano Generale di Sviluppo;

    b) definire la proposta di PEG da presentare alla Giunta Comunale, gestendo le fasi di negoziazione con i dirigenti di servizio ed i Coordinatori d'area;

    c) presentare agli organi di governo con cadenza periodica gli stati di avanzamento del Pgs e del Peg, proponendo le eventuali variazioni;

    d) definire la cadenza periodica con la quale effettuare le verifiche sullo stato di attuazione degli obiettivi e sul grado utilizzo delle risorse assegnate ai dirigenti;

    e) approvare il Pdo e le relative variazioni proposte dai dirigenti di servizio in corso d'anno, nonché il consuntivo annuale;

    f) svolgere funzioni di impulso e di vigilanza sull'espletamento delle funzioni dirigenziali e sul raggiungimento degli obiettivi assegnati con il Piano Esecutivo di Gestione garantendo il raggiungimento di livelli ottimali di efficienza e di efficacia, ed attivando opportune procedure in caso di inerzia dei dirigenti o di ritardo nell'attuazione degli obiettivi programmati;

    g) definire la proposta di Piano degli investimenti da sottoporre agli organi di governo;

    h) curare, coadiuvato dal responsabile del servizio finanziario, l'elaborazione della proposta definitiva di bilancio preventivo secondo le direttive impartite dal Sindaco e dalla Giunta Comunale;

    i) presiedere l'organismo indipendente per la valutazione;

    j) definire gli interventi necessari per migliorare l'efficienza, l'efficacia e la qualità dei servizi, anche mediante l'individuazione di modalità e strumenti innovativi di gestione e di controllo della qualità globale del sistema;

    k) monitorare la funzionalità delle soluzioni e dei criteri organizzativi adottati dall'ente, verificare l'efficienza, l'efficacia e l'economicità dei processi di erogazione dei servizi e formulare eventuali proposte di miglioramento;

    l) risolvere i problemi e dirimere i conflitti, anche di competenza, fra i Coordinatori d'area e fra i dirigenti di servizio;

    m) Intervenire, con potere sostitutivo, per l'adozione di atti urgenti ed indifferibili nel caso di improvviso impedimento di uno dei dirigenti;

    n) coordinare e supervisionare i rapporti tra l'Amministrazione e le aziende speciali, società partecipate, istituzioni secondo quanto stabilito dal modello di governance dell'ente;

    o) formulare proposte circa gli assetti proprietari più coerenti con le politiche dell'ente;

    p) istituire, sulla base dei criteri generali definiti dalla Giunta Comunale e delle proposte dei dirigenti, le posizioni di lavoro ricomprese nell'area delle posizioni organizzative;

    q) coordinare il Comitato Tecnico Gestionale dell'Associazione Intercomunale della Pianura Forlivese;

    r) convocare e presiede il Comitato di coordinamento;

    s) Esercitare ogni altra funzione attribuitagli dalla legge, dallo statuto, dai regolamenti, dai provvedimenti di carattere programmatico o strategico dell'Ente, o conferitagli dal Sindaco.


  3. Assume la funzione di "Direttore del personale" con il supporto delle unità e servizi deputati alla gestione delle risorse umane, ed in particolare provvede a:

    a) proporre alla Giunta previo confronto con il comitato di coordinamento, la determinazione della dotazione organica e del programma delle assunzioni;

    b) prendere in esame l'assetto organizzativo dell'ente ed il quadro di assegnazione dell'organico valutandone l'adeguatezza come disposto dal presente regolamento all'articolo 81;

    c) coordinare le politiche e le relazioni con le organizzazioni sindacali;

    d) sovraintendere ai piani di formazione e di sviluppo del personale;

    e) coordinare la mobilità del personale all'interno della struttura comunale;


  4. Il Direttore Generale risponde al Sindaco e alla Giunta Comunale.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (0 valutazioni)